Presentazione del volume “1953 Entra la Corte”

Archivio Storico del Quirinale

“…Io non mi nascondo che la Corte Costituzionale suscita, in taluni ambienti politici e di pubblica opinione meno orientati, riserve e incomprensioni. E’ questa la comune sorte di tutti quegli organi che, nel periodo di evoluzione strutturale di una società, e dunque del diritto che ne è l’espressione, debbono contrastare con l’esempio, la fermezza e l’equilibrio il timore del “nuovo”, che fa dimenticare a molti come sia necessario e benefico per un interesse comune l’ordinato progresso verso le più elevate forme di orientamento giuridico e sociale e cioè verso lo stato di diritto, per la cui piena instaurazione tu, io e pochi altri combattiamo da lungo tempo. Proprio per le difficoltà che ancora si frappongono al raggiungimento di questo altissimo fine e per il modo con il quale tu hai saputo superare le più ardue fin dagli inizi del funzionamento della Corte, guadagnando a questa il rispetto di tutto il paese, e dimostrando insieme profonda saggezza giuridica e meditata prudenza politica, io credo fermamente che la tua persona sia oggi insostituibile, come giudice e come Presidente; e pertanto non posso accogliere le tue dimissioni, ma ti prego affettuosamente di rimanere ancora, vorrei dire, al mio fianco, per proseguire nella via che insieme abbiamo intrapreso. …”.

(Dalla lettera del Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi che respinse le dimissioni del Presidente della Corte Costituzionale Enrico De Nicola, Roma 22 settembre 1956)

 

A proposito del volume “1953. Entra la Corte”, edito da italiadecide – Associazione per la qualità delle politiche pubbliche (Roma 2023)

Incontro di studio nei settant’anni della legge 11 marzo 1953, n. 87 (Norme sulla Costituzione e sul funzionamento della Corte costituzionale)

Incontro di studio

Apertura dei lavori
Marina Giannetto, Sovrintendente dell’Archivio storico della Presidenza della Repubblica

Indirizzo di saluto
Anna Finocchiaro, Presidente di italiadecide

Interventi

Giuliano Amato, Presidente emerito della Corte Costituzionale, Accademico dei Lincei

Francesco Bonini, Professore ordinario di Storia delle istituzioni politiche, Rettore dell’Università LUMSA